Birdwatching sulla Martesana




Un merlo si rinfresca sulla sponda del canale, mentre mamma papera accompagna gli anatroccoli appena nati da un punto allaltro del Naviglio Martesana, in cerca di cibo. Percorrendo via Melchiorre Gioia, nel punto in cui la strada prende il nome di via De Marchi, sincrocia il naviglio Martesana allaltezza di Cassina de Pomm. Un percorso ciclopedonale di 6 chilometri lungo la sponda del naviglio che si snoda attraverso i popolosi rioni di Turro, Gorla e Crescenzago e attraversa il ponte sul fiume Lambro al confine tra Sesto San Giovanni e Cologno Monzese, proseguendo per 38 chilometri fino al fiume Adda.


Un percorso verde, ricco di specie arboree tipiche del paesaggio lombardo come le robinie, i pioppi, i tigli selvatici, le querce rosse, anfratti umidi nei quali una coppia di gallinelle dacqua ha costruito il proprio nido ben mimetizzato tra la vegetazione rigogliosa. A piedi o in bicicletta, sono molti gli amanti di questi luoghi. Anzitutto gli abitanti dei quartieri che affacciano sul canale artificiale, che in questi giorni sfuggono al caldo asfissiante, poi le tante famiglie per la gita in bicicletta, il naturalista intento a fotografare la colonia di germani reali sempre pi numerosa, e con un po di fortuna, anche qualche esemplare di martin pescatore.
di Nicola Vaglia

12 giugno 2014

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_giugno_12/birdwatching-martesana-3566bd14-f233-11e3-9d0d-44dc1b5aab8c.shtml



 

 

 


 

4